Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for Mag 2011

Maggio 

Le rose chinano il capo

per baciarmi i piedi insanguinati.

Scalza cammino sopra il sentiero

che porta alle velate colline

dell’infanzia struggente.

A piedi nudi lo percorro

perché voglio che la terra

mi entri dalle radici

e per osmosi risalga fino ai capelli.

Solo la terra può non tradirmi mai.

Eccomi nella radura

dove guardando il cielo

ero solita riposarmi.

Distesa contemplavo

la mia giovane vita

e dietro le nubi a cumuli

intravedevo il futuro.

Ora è trascorso qualche anno

ma ancora qui mi fermo,

schiena a terra, a domandarmi

perché

perché le rose sono fiorite

anche quando io non c’ero.

Il tempo non si è fermato mai,

qualche luminosa particella

mi ha dato l’illusione.

Non c’è tregua

e niente ferma questa giostra

da una costellazione all’altra

da un’estate all’altra.

Ma quando sarò morta

sarà qui che vorrò tornare,

a piedi nudi, per vedere

se ancora sono fiorite

le rose selvatiche.

Annunci

Read Full Post »