Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Mafia’ Category

Qualche giorno fa, cercando chissà cosa fra i miei libri, mi sono ritrovata tra le mani il libro di Sandra Rizza dedicato a Rita Atria, la diciassettenne che ha avuto il coraggio di denunciare i boss del suo paese: Una ragazza contro la mafia, (1993, La Luna Edizioni, Palermo) . L’ho riletto e di nuovo ho riflettuto sulla vita di questa giovane donna, suicida per solitudine e disperazione. Rita apparteneva ad una famiglia mafiosa, e aveva visto il padre e il fratello massacrati dalle cosche di Partanna per un regolamento di conti. Dopo l’uccisione del fratello Vito, seguendo l’esempio della cognata Piera Aiello, aveva deciso di diventare collaboratrice di giustizia. Posta subito sotto protezione, era stata trasferita con false generalità a Roma e tornava in Sicilia solo per le deposizioni. La madre, con la quale aveva sempre avuto un rapporto molto conflittuale, l’aveva ripudiata e i parenti e i paesani l’avevano messa al bando. Coraggiosamente, lei continuava a raccontare tutto quello che aveva udito dai maschi di famiglia e tutto quello che aveva visto, rompendo in modo drammatico la rete di omertà di Partanna. La cognata, che aveva qualche anno in più, cercava di sostenerla in ogni modo. Ma dopo l’assassinio di Paolo Borsellino, il mondo era crollato addosso a Rita. Il giudice era un vero padre, un angelo protettore, un confidente, il riferimento più importante. Chi l’avrebbe aiutata adesso? In una crisi di disperazione Rita si gettò dall’ultimo piano del palazzo dove viveva, in via Amelia a Roma. Aveva solo diciassette anni. Il coraggio di Rita Atria deve dare forza a tutti noi, deve dare forza a questo paese impaurito, deve dare forza a tutti i giovani che si battono per un mondo dove non sia il più forte, il più arrogante, il più violento a dettare legge.

www.ritaatria.it

Annunci

Read Full Post »